Costituita la CoAdi, eletti presidente e vicepresidente

Pubblicato: 06/06/2018 Letto: 2734

COMUNE DI NUORO



Nuoro, 5 giugno 2018

Si tenuta questo pomeriggio presso la sala consiliare del Palazzo Civico, la prima seduta pubblica della CoAdi, la Consulta che riunisce le associazioni che si occupano di disabilit, operanti nella citt di Nuoro.
Allincontro erano presenti il sindaco Andrea Soddu, lassessore ai Servizi sociali Valeria Romagna, il presidente del Consiglio Comunale Fabrizio Beccu e i consiglieri Giovanna Zedde, Eleonora Angheleddu, Pier Luigi Saiu e Mara Sanna.

Insieme a loro, i rappresentanti delle associazioni che hanno aderito alla CoAdi, finora otto: Asterix, Ail, Aism, Lisola che non c, Ha, Aisla, Parkinsoniani e Amo.

Nellaprire i lavori dellassemblea, il primo cittadino ha sottolineato come la consulta sia un fondamentale organismo che coinvolge le associazioni che operano nel campo delle disabilit. La CoAdi un importante strumento di democrazia e rappresentativit che avr funzione di stimolo e proposta per lamministrazione comunale nuorese. di fondamentale importanza che il Consiglio comunale abbia approvato il regolamento e che questo trovi oggi attuazione nella costituzione della CoAdi".

Nel corso dellassemblea sono stati eletti il presidente e il vicepresidente della consulta: a presiedere la CoAdi sar Antonello Delogu (Associazione Malati Oncologici), vicepresidente Maria Meloni (Associazione Malattie Rare).
Auguro buon lavoro a tutti, ha detto Soddu dopo la votazione, ringrazio tutti i consiglieri che sono stati il motore di questa iniziativa. Ora diamo voce alle associazioni, noi ci siamo.
Soddisfatta lassessore Romagna, la creazione di questa Consulta stata possibile grazie alla partecipazione di tutti. La CoAdi un esperimento e mi auguro che sia da stimolo per ogni amministrazione, a partire dalla nostra.
Ringrazio per questa attestazione di fiducia, ha detto il neopresidente Delogu subito dopo lelezione, oggi un giorno importante, perch abbiamo vinto la possibilit di impegnarci ancora di pi perch la voce dei nostri assistiti sia pi forte e pi ascoltata: per questo che nata la CoAdi.

torna all'inizio del contenuto