Il 20 Dicembre 2005 scade il termine per il versamento della seconda rata dell'ICI.

In questo articolo trovate tutte le informazoni necessarie sul tributo ma anche una utile calcolatrice che vi guiderà al corretto calcolo dell'importo da versare."> ICI - Imposta Comunale Sugli Immobili: anno 2005 - Istruzioni e calcolo on-line | Comune di Nuoro | Sito istituzionale

Indice articolo

Introduzione - Aliquote vigenti per l'anno 2005

Pubblicato: 11/05/2005 Letto: 100222 Aggiornato:

Cari concittadini,

L’Amministrazione Comunale, per l’applicazione dell’imposta comunale sugli immobili, tenuto conto delle avviate attività di accertamento, volte al perseguimento di una concreta equità fiscale, ha ancora confermato per l’anno 2005 l’aliquota ordinaria e quella dell’abitazione principale, nella misura già vigente nello scorso anno.

Eventuali chiarimenti per gli adempimenti I.C.I. potranno come sempre essere richiesti agli sportelli degli Uffici interessati.

Si riportano qui ulteriori informazioni per il calcolo del tributo dovuto.

ALIQUOTE VIGENTI PER L’ANNO 2005 DA APPLICARE SUL VALORE DEGLI IMMOBILI PER LA DETERMINAZIONE DELL’IMPOSTA:

  • PER L’ABITAZIONE PRINCIPALE: 4 ‰ (Vedi precisazioni pi in basso)
  • PER GLI ALTRI FABBRICATI: 7‰
  • PER I TERRENI AGRICOLI: Esenzione
  • PER LE AREE FABBRICABILI: 7 ‰
  • IMMOBILI INAGIBILI O DI INTERESSE ARTISTICO IL CUI PROPRIETARIO ESEGUE INTERVENTI DI RECUPERO, OPPURE VI INTENDA REALIZZARE POSTI AUTO, AUTORIMESSE O SOTTOTETTI (Aliquota agevolata per 3 anni dall’inizio di detti lavori - art. 1, c 5 L. 449/1997): 3,5 ‰

E’ ABITAZIONE PRINCIPALE, e paga l’I.C.I. al 4 ‰ :

  • quella posseduta a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale di godimento e nella quale il contribuente e i suoi familiari dimorano abitualmente; ( art. 43 del codice civile );
  • quella posseduta da anziano disabile che acquisisce la residenza presso istituti di ricovero o sanitario in seguito a ricovero permanente, o acquisisce la residenza nella casa di un proprio familiare, parente entro il 3° grado, purché l’abitazione non risulti data in affitto;
  • quella di proprietà dei portatori di handicap, che siano costretti, in presenza di barriere architettoniche nella stessa, a trasferire la propria residenza in altri locali presi in affitto, per rendere più agevoli le loro condizioni di vita;
  • quella locata con contratto regolarmente registrato, ad una persona che la utilizza come dimora abituale;
  • l’abitazione locata, con contratto registrato, a studenti o altro soggetto che la utilizzi per soddisfare le esigenze abitative degli studenti, per la frequenza della locale Università degli studi o dei locali Istituti di scuola media Superiore;
  • l’abitazione concessa in comodato a parenti entro il 1°grado, nella quale, gli stessi, hanno stabilito la propria residenza;
  • unità immobiliare posseduta nel territorio del comune a titolo di proprietà, di usufrutto da cittadino italiano residente all’estero per ragioni di lavoro, a condizione che non risulti locata:
  • l’abitazione posseduta da un soggetto che la legge obbliga a risiedere in altro comune per ragioni di servizio qualora l’unità immobiliare risulti occupata quale abitazione principale, dai familiari del possessore, nonché l’abitazione di un soggetto che deve risiedere in altro comune per l’assistenza a familiari invalidi, parenti entro il 3° grado;
  • due o più unità immobiliari contigue, occupate ad uso abitazione dal contribuente; l’equiparazione all’abitazione principale decorre dalla data in cui risulta essere stata presentata la richiesta di variazione ai fini dell’unificazione catastale delle unità medesime al competente Ufficio:
  • il posto auto, garage o box, la soffitta e la cantina, che sono ubicate nello stesso immobile anche se distintamente iscritte in catasto. L’assimilazione opera a condizione che il proprietario o titolare di diritto reale di godimento, anche se in quota parte, o il locatario finanziario dell’abitazione nella quale abitualmente dimora sia proprietario o titolare di diritto reale di godimento, anche se in quota parte, o locatario finanziario della pertinenza e che questa sia durevolmente ed esclusivamente asservita alla predetta abitazione.
torna all'inizio del contenuto