Benvenuto! - Sei in: Home page > Turista > La città

Archivio Storico Comunale Salvatore Satta
Agenda Istituzionale del Sindaco
Consiglio Comunale: Convocazioni, ordini del giorno e resoconti stenotipici
Sardegna Click and Go
Traduttore
LOG-IN



Registrati

Password dimenticata

Cerca sul portale
Termini [c]:
Tipo di ricerca:


Calendario
Indietro di un mese Ottobre 2017 Avanti di un mese
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Accade oggi Accade oggi...
Articolo

Presentazione

Pubblicato il 08/12/2004 - Pagine: 3 - Letto: 40977 - Commenti: 1

Descrizione


Panorama della Città di Nuoro
Panorama della Città di Nuoro
Nuoro è la città capoluogo della provincia che occupa la parte centrale della Sardegna, dalla costa orientale a quella occidentale, con una superficie di 7.044 Kmq e una popolazione di 280.000 abitanti.
Il territorio, prevalentemente collinare e montuoso, è quello che ha meglio conservato l'ambiente naturale, ricco di boschi, macchia mediterranea, paesaggi aspri e selvaggi e coste poco affollate.

La città, comunemente considerata capitale della Barbagia, gravita più propriamente su una zona chiamata "il nuorese".
Le altre sub-regioni della provincia sono: le Baronie di Siniscola e Orosei e l'Ogliastra a est; le Barbagie di Ollolai, Belvì, Seulo e il Sarcidano a Sud, il Marghine e la Planargia a Ovest; un lembo della Gallura a Nord.

La Città sorge su un altopiano granitico dominato a est dal Monte Ortobene e circondato da vallate e da catene montuose.
Il clima è temperato, con temperature medie annue intorno ai 13°-14° , moderatamente freddo d'inverno e caldo nel cuore dell'estate, anche se non mancano giornate miti in entrambe le stagioni.
Un elemento da sottolineare è l'instabilità del clima, che è poi una peculiarità di tutta l'isola, soggetto a cambiamenti per l'improvvisa irruzione di aria fredda e conseguente calo della temperatura.

Più della metà del territorio del Comune di Nuoro è occupato da pascoli, circa un quarto da bosco, il resto da seminativo e colture legnose.
Dai pascoli arborati di Sa Serra, dove nelle zone sfuggite agli incendi degli ultimi anni, sono presenti querce da sughero e lecci, si passa ai fochi di Jaccu Piu, di ValVerde e dell'Ortobene, ai coltivi di olivi, mandorli e viti della parte alta di Marreri, di Badde Manna e Su Grumene, ai pascoli di Corte, un tempo destinata ai seminativi.
Inserito il 18/12/2006 da 0 - Voto: 2

Aggiornate la cartina della nuova suddivisione provinciale