Benvenuto! - Sei in: Home page > Cultura e Sport > Sagre

Archivio Storico Comunale Salvatore Satta
Agenda Istituzionale del Sindaco
Consiglio Comunale: Convocazioni, ordini del giorno e resoconti stenotipici
Sardegna Click and Go
Traduttore
LOG-IN



Registrati

Password dimenticata

Cerca sul portale
Termini [c]:
Tipo di ricerca:


Calendario
Indietro di un mese Ottobre 2017 Avanti di un mese
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Accade oggi Accade oggi...
Articolo

Sagra di San Francesco di Lula

Pubblicato il 15/01/2004 - Pagine: 1 - Letto: 25022 - Commenti: 0

La storia


Il Santuario di S. Francesco di Lula
Il Santuario di S. Francesco di Lula
Si celebra nel santuario sito circa 2 Km dal paese di Lula (4 ottobre 1-9 maggio). Il santuario eretto all'interno di un recinto che accoglie anche le cumbissias, risale al 1600 e, pur essendo in territorio di Lula, viene amministrato a turno da un priore di Nuoro perché tradizione vuole che il tempio sia stato edificato per voto da un nuorese. La festa e la chiesa sono state sempre considerate dei nuoresi.Ai fedeli e a quanti si recano al santuario il priore e i collaboratori che lo hanno aiutato nella raccolta delle offerte offrono dolci, vino e liquori, bollito di pecora, zurrette (sangue di pecora raccolto nel ventricolo adeguatamente pulito, condito con formaggio pecorino, foglie di menta e pane carasau) e Filindeu.
Porzioni di carne e filindeu vengono offerti quotidianamente anche ai novenanti durante la permanenza nel santuario. La sagra si conclude il decimo giorno dall'inizio della novena con l'incontro fra i novenanti e la popolazione di Nuoro e dei paesi vicini che vanno incontro al simulacro del Santo a Marreri, a "s'arbore", dove all'ombra delle querce viene organizzato un banchetto. A sera, il nuovo priore, il cappellano, un amico che porta la piccola statua del Santo ed altri cavalieri entrano a Nuoro per la strada che porta alla chiesetta della Solitudine, percorrono le vie del Centro storico e girano per tre volte intorno alla chiesa del Rosario. Il corteo si scioglie a casa del priore che custodirà lo stendardo fino al maggio successivo.