Benvenuto! - Sei in: Home page > Cultura e Sport > Sagre

Archivio Storico Comunale Salvatore Satta
Agenda Istituzionale del Sindaco
Consiglio Comunale: Convocazioni, ordini del giorno e resoconti stenotipici
Sardegna Click and Go
Traduttore
LOG-IN



Registrati

Password dimenticata

Cerca sul portale
Termini [c]:
Tipo di ricerca:


Calendario
Indietro di un mese Giugno 2017 Avanti di un mese
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Accade oggi Accade oggi...
Articolo

Sagra di San Francesco di Lula

Pubblicato il 15/01/2004 - Pagine: 1 - Letto: 24560 - Commenti: 0

La storia


Il Santuario di S. Francesco di Lula
Il Santuario di S. Francesco di Lula
Si celebra nel santuario sito circa 2 Km dal paese di Lula (4 ottobre 1-9 maggio). Il santuario eretto all'interno di un recinto che accoglie anche le cumbissias, risale al 1600 e, pur essendo in territorio di Lula, viene amministrato a turno da un priore di Nuoro perché tradizione vuole che il tempio sia stato edificato per voto da un nuorese. La festa e la chiesa sono state sempre considerate dei nuoresi.Ai fedeli e a quanti si recano al santuario il priore e i collaboratori che lo hanno aiutato nella raccolta delle offerte offrono dolci, vino e liquori, bollito di pecora, zurrette (sangue di pecora raccolto nel ventricolo adeguatamente pulito, condito con formaggio pecorino, foglie di menta e pane carasau) e Filindeu.
Porzioni di carne e filindeu vengono offerti quotidianamente anche ai novenanti durante la permanenza nel santuario. La sagra si conclude il decimo giorno dall'inizio della novena con l'incontro fra i novenanti e la popolazione di Nuoro e dei paesi vicini che vanno incontro al simulacro del Santo a Marreri, a "s'arbore", dove all'ombra delle querce viene organizzato un banchetto. A sera, il nuovo priore, il cappellano, un amico che porta la piccola statua del Santo ed altri cavalieri entrano a Nuoro per la strada che porta alla chiesetta della Solitudine, percorrono le vie del Centro storico e girano per tre volte intorno alla chiesa del Rosario. Il corteo si scioglie a casa del priore che custodirà lo stendardo fino al maggio successivo.