Benvenuto! - Sei in: Home page > Cimitero Urbano > Informazioni

Archivio Storico Comunale Salvatore Satta
Agenda Istituzionale del Sindaco
Consiglio Comunale: Convocazioni, ordini del giorno e resoconti stenotipici
Sardegna Click and Go
Traduttore
LOG-IN



Registrati

Password dimenticata

Cerca sul portale
Termini [c]:
Tipo di ricerca:


Calendario
Indietro di un mese Settembre 2017 Avanti di un mese
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Accade oggi Accade oggi...
 
117a Festa del Redentore
Articolo

Il Cimitero di Sa e’ Manca: Cimitero Monumentale di Graziano Secchi

Pubblicato il 17/02/2016 - Pagine: 1 - Letto: 1982 - Commenti: 0

Cimitero Monumentale Nuoro di Graziano Secchi






Apri su Youtube


Da un’analisi dei Libri Mortuorum, registri che annotavano i decessi a partire dal 1646 sino alla prima metà del Novecento, scopriamo che a Nuoro esistevano due cimiteri: il primo era a ridosso del Convento dei Frati Minori Osservanti, il secondo era adiacente alla vecchia parrocchia di Santa Maria della Neve. Si trattava di luoghi destinati alla sepoltura degli individui indigenti, mentre i benestanti venivano sepolti entro il perimetro delle chiese del villaggio.

Nel 1863, il Comune di Nuoro formalizzò l’atto di acquisto di un terreno posto a nord-ovest dell’abitato, in una località denominata “Sa ’e Manca”. L’inaugurazione del nuovo cimitero avvenne nel 1868. Costituisce il luogo della memoria familiare e collettiva per la comunità nuorese (di cui ha ampiamente parlato Salvatore Satta nel suo romanzo-capolavoro Il Giorno del Giudizio) e, al tempo stesso, un vero e proprio museo all’aperto.

(Testo tratto da «Sa 'e Manca. Memoria e arte nel cimitero di Nuoro», Mariano Lutzu, Editore Madrike)
Musiche: Cristóbal de Morales - Officium Defunctorum - Parce Mihi Domine