Benvenuto! - Sei in: Home page > Bandi di gara e contratti > Bandi di gara e contratti

Archivio Storico Comunale Salvatore Satta
Agenda Istituzionale del Sindaco
Consiglio Comunale: Convocazioni, ordini del giorno e resoconti stenotipici
Sardegna Click and Go
Traduttore
LOG-IN



Registrati

Password dimenticata

Cerca sul portale
Termini [c]:
Tipo di ricerca:


Calendario
Indietro di un mese Ottobre 2017 Avanti di un mese
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Accade oggi Accade oggi...
Articolo

SPRAR: Procedura aperta per l'affidamento dei servizi di accoglienza

Pubblicato il 11/08/2017 - Pagine: 2 - Letto: 3530 - Commenti: 0

Quesiti e Chiarimenti: quesito del 31/08/2017


GU/S S154 12/08/2017 319759-2017-IT

QUESITI RELATIVI AL BANDO DI GARA 2017/S 154-319759

Rif.314493Sardegna Cat
Procedura aperta per l'affidamento della gestione ed organizzazione dei servizi di accoglienza integrata del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati Progetto SPRAR 1125_ triennio 2017-2020
CIG 7176775E12
CUP H69D17000940005

QUESITO N.1
Ricevuto in data 31.08.2017 ore 09:16 ricevuto sulla piattaforma Sardegna Cat sezione messaggi:
“Buongiorno. Si richiede cortesemente di specificare quanto di seguito: 1 se il requisito della certificazione di qualità richiesto a pag 9 del disciplinare di gara, sia necessario e obbligatorio o se, come parrebbe a pag 22 dello stesso disciplinare al punto 15.7 sia "eventuale" e quindi non obbligatorio. 2 se sono già esistenti ed eventualmente di fornire i protocolli d'intesa per la realizzazione delle azioni previste dai protocolli d'intesa menzionati al punto 1.6 - 1.7 dei "Criteri di valutazione" dell'allegato H “

RISPOSTA AL QUESITO N. 1 del 01.09.2017
Per quanto riguarda il punto n° 1 si specifica che l’art.12 del disciplinare di gara denominato ”SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE” stabilisce che: Sono ammessi alla gara gli operatori economici in possesso dei requisiti di Ordine Generale, di idoneità e di capacità economiche, tecniche e professionali.
Tra i predetti requisiti obbligatori per l’ammissione, a pagina 9 vi è quello di essere in possesso della seguente certificazione (o equivalente rilasciata da organismi accreditati): Certificazione di qualità ai sensi della normativa UNI EN ISO 9001.
Il possesso di tale certificazione deve essere dichiarato con la compilazione del DGUE(ALLEGATO B) e con la dichiarazione generica del possesso dei requisiti richiesti contenuta nell’istanza di ammissione alla gara(ALLEGATO A).

Il successivo art. 15 del disciplinare di gara denominato “Documentazione amministrativa - busta di qualifica”, precisa invece l’elenco degli allegati che devono essere inseriti nella busta di qualifica elencando tra questi nell’art 15.7 (eventuale) certificazione iso pagina 22 che deve essere prodotta per poter ottenere le eventuali riduzioni della garanzia provvisoria.
Il riferimento normativo è il citato art. 93 comma 7 del D.lgs 50/2016 nel quale sono previste le eventuali certificazioni che danno la possibilità di ottenere la riduzione per la garanzia provvisoria e le percentuali di riduzioni per ogni certificazione posseduta e prodotta.
Pertanto l’eventuale si riferisce alla presentazione di tutte le certificazioni utili ad ottenere la riduzione della garanzia (e non solo di quella obbligatoria come requisito di partecipazione).
Si precisa inoltre che l’operatore economico che volesse usufruire del beneficio della riduzione della garanzia provvisoria ai sensi all’art. 93 comma 7 del D.lgs. n. 50/2016 dovrà dimostrare il possesso delle certificazioni allegando copia delle stesse accompagnate da dichiarazione di conformità all’originale.
Pertanto s’intende anche che colui che autocertifica il possesso (nel DGUE) della dichiarazione UNI EN ISO 9001 è ammesso alla gara, ma se non produce la copia della stessa accompagnata da dichiarazione di conformità all’originale non potrà usufruire della riduzione della garanzia, prescritta dalla normativa, così come previsto dal citato documento di gara.

Per quanto riguarda il punto 2, si intende l’attivazione di ulteriori protocolli di intesa, (rispetto quelli già sottoscritti dalla nostra amministrazione comunale), quale criterio per l’attribuzione del punteggio dell’offerta tecnica (come indicato nell’allegato H). Tale condizione è valutabile, se documentata nel progetto tecnico con indicazione minima del soggetto, data di sottoscrizione del protocollo e contenuti dello stesso in riferimento al servizio oggetto di affidamento.